Per non piangere poi ..

terremoto 6 aprile 2009

terremoto 6 aprile 2009

Rapporto 41 – prima parte:

Rapporto 41 -seconda parte:

Esperimento del prof. Arata -in Giappone- sulla fusione fredda:
Prof. Y. Arata Gives Lecture and Demonstration at Osaka University

http://www.lenr-canr.org/News.htm#Downloads

Intervista a Giampaolo Giuliani “ricercatore presso i laboratori sismologici del Gran Sasso di Italia”:

La condizione della ricerca scientifica in Italia è in condizioni pietose.

Lo testimonia il caso -per esempio- del rapporto 41 in cui il premio nobel Carlo Rubbia trovava nel 10 aprile del 2002 che la fusione fredda era stata attuata al laboratorio del CNR di Frascati in provincia di Roma.
(Vedi i due video sul “Rapporto 41” e il link sul prof. Arata).

Lo testimonia il fatto -per esempio- che un ricercatore -Giampaolo Giuliani- scienziato che lavora come “ricercatore presso i laboratori sismologici del Gran Sasso di Italia” sia stato denunciato per procurato allarme .. perché non è stato sottoposto al metodo scientifico quanto affermava.

Bisognava vedere i morti per credergli?

O si poteva verificare con altri ricercatori quanto affermava?

Siamo sicuri che non andrà perso il lavoro di Giuliani? .. così come è orfana la ricerca in Italia per cui Rubbia si è dovuto trasferire in Spagna perché avesse dei finanziamenti per la ricerca scientifica?

La direzione politica dell’Italia è “vecchia dentro” .. vorremmo poterci sbagliare .. ma tutti i segnali ci dicono .. che “tutto va ben Madama la Marchesa” è l’unica cosa che è la politica del governo attuale ..

Riporto altri documenti per more info:

da it.politica

cit on

Subject:
Re: La prova che Giuliani è l’ennesimo pseudo-scienziato della nanoitalia[?]
Date:
Mon, 06 Apr 2009 15:02:28 GMT
From:
L <parmenide_2002@yahoo.it>
Organization:
[Infostrada]
Newsgroups:
it.politica, it.scienza, it.cultura.filosofia
References:
1

Claudio Bianchini wrote:

I media si stanno concentrando su una notizia riguardante un mitomane  che una settimana fa ha telefonato al sindaco di Sulmona avvertendolo di un terremoto che non s’è verificato. Questo mitomane, giustamente denunciato per procurato allarme, avrebbe a suo dire inventato dei cubi che misurano la
variazione del gas radon in atmosfera. Ora io ho trovato questo documento su  gugol libri

http://tinyurl.com/cfwc9y

e si dice che le variazioni di gas prima dei terremoti avvengono nell’acqua di falda(groundwater). A questo punto sarebbe il caso che questo mitomane pubblichi in rete il progetto dettagliato dei suoi cubi. Fatte le debite considerazioni del caso, la tragedia, la distruzione, la morte, mi pare che si stia insinuando nella vicenda un aspetto parecchio comico. Tenete presente che nella zona è da febbraio che c’era un intenso sciame sismico, probabilmente il Giuliani si è inserito nella vicenda solo per protagonismo e mitomania

L wrote:

io -invece- ho trovato questi documenti:

interviste a Giuliani prima del sisma:

***********************************

http://www.donnedemocratiche.com/?p=2219

Prevenire un terremoto si può…
Giampaolo Giuliani, tecnico di laboratorio presso l’INFN dei Laboratori
del Gran Sasso, come Le è venuta l’idea di realizzare uno strumento in
grado di prevedere le scosse sismiche?

Nel 2001 stavamo osservando il misuratore di particelle cosmiche presso
l’Istituto quando, in corrispondenza del terremoto in Turchia, rilevammo
una quantità straordinaria, rispetto al solito, di radon.

Così ho impiegato quasi 2 anni per realizzare da solo uno strumento in grado di rilevare il radon, iniziai ad osservarlo ed a studiarlo, e con l’aiuto di un sismografo mi resi conto che la concentrazione di radon aumentava in corrispondenza di un evento sismico.

Nel 2002, ad esempio, in corrispondenza del terremoto di S. Giuliano, registrammo valori 100 volte maggiori alla norma, ma disponendo di 1 solo precursore sismico eravamo in grado di emanare un allarme per un evento sismico che distava più di 50 km da L’Aquila, senza poter fornire altre informazioni circa la collocazione o la direzione dell’evento stesso.

Oggi con 5 precursori saremmo in grado di essere molto più precisi, triangolando i dati ed i segnali di concentrazione del radon.

2 – Che cos’è il radon?

E’ un gas nobile ed è il gas più pesante che esista. Non interagisce con
altre sostanze, quindi esce dalla crosta terrestre e si stratifica fino
a 10 centimetri da terra, essendo così pesante ed a causa della
pressione atmosferica, non riesce ad alzarsi di più.

E’ il killer delle cantine non areate in quanto se respirato in quantità elevate porta il cancro ai polmoni: l’atomo di radon ha una vita media di 3,8 giorni e nel suo decadimento produce due isotopi, il Piombo-214 ed il Bismuto-214, che decadendo beta rilasciano radiazione gamma. I gamma inalati si fissano ai polmoni, ai bronchi ed al pancreas annichilendo questi stessi organi! Quando c’è un evento sismico, per esempio, la quantità di radon presente nei locali che ospitano gli strumenti è talmente alta da essere dannosa e sono costretto ad aspettare almeno un giorno per accedervi.

3 –Ci spiega la sua invenzione, la sua creatura? Che cos’è un Precursore sismico?

E’ uno strumento in grado di rilevare il radon e di evidenziarne le
modifiche di concentrazione. Il precursore sismico permette di
monitorare i territori e, attraverso la variazione di concentrazione del
radon, permette di prevedere un evento sismico con un anticipo variabile dalle 6 alle 24 ore e una efficienza maggiore dell’80%. Ora disponiamo di 5 stazioni che ci consentono di triangolare i dati ottenendo con precisione l’epicentro ed il grado sismico dell’evento.

Attraverso questa macchina ho potuto studiare il comportamento del radon e conoscerne delle caratteristiche non note alla scienza ufficiale perché sprovvista della tecnologia da noi utilizzata. I 5 Precursori sismici si trovano a Coppito, nel Laboratorio del Gran Sasso (ospite dell’INFN), presso la scuola De Amicis, a Fagnano e a Pineto; sono tutti a più di 3 metri sotto terra e in corrispondenza di un evento sismico rilevano nello stesso momento, lo stesso segnale creando un grafico perfettamente sovrapponibile.

4 – Cosa ci può dire dello Sciame sismico che dal 16 gennaio scorso
interessa la città e spaventa i suoi abitanti?

Attraverso il Precursore sismico abbiamo potuto riscontrare,

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

in questi 9 anni di studio,

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

che il territorio di L’Aquila è interessato ogni anno nello stesso
periodo da uno sciame sismico, non intenso e, per questo, in genere non percepito dalla popolazione.

Quest’anno questo sciame sismico è stato più intenso e con delle scosse più forti, che sono state rilevate dalla popolazione. Lo sciame non è un fenomeno preparatorio ad un evento sismico più rilevante, né ha correlazione con grandi piogge o nevicate, come ho sentito dire da molti. E’ un fenomeno normale per una zona come quella di L’Aquila.
I dati ottenuti in questi 9 anni di studi, ci hanno consentito di
rilevare un rischio sismico maggiore nel periodo invernale che va da
novembre ad aprile. Senza voler banalizzare, ma per semplificare i
concetti, posso aggiungere anche che l’attività sismica è strettamente
correlata alle fasi lunari. In particolare quest’anno, il sistema
Terra-Luna, si è venuto a trovare al Perielio (Punto più vicino al Sole,
in Inverno) con la Luna nello stesso periodo alla minima distanza dalla
Terra, e con il Pianeta Venere allineato, in fase di Venere piena
anch’essa vicina. L’attrazione gravitazionale delle masse sulla Terra
hanno intensificato l’effetto marea sul nostro pianeta, rendendo gli
eventi sismici più rilevanti, rispetto agli altri sciami, cui siamo
stati interessati negli anni precedenti. Mi sento di poter
tranquillizzare i miei concittadini, in quanto lo sciame sismico andrà
scemando con la fine di marzo.

5 – Come si pone la scienza ufficiale nei riguardi della sua invenzione?

Mi osserva con interesse … una parte mi da fiducia,

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

come dimostra anche il Direttore dell’INFN che mi ha messo a
disposizione un locale per ospitare uno dei 5 Precursori sismici;

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

una parte è un po’ più cauta e scettica. Nel 2005 ho tenuto un
seminario presso l’INFN a cui hanno partecipato quasi 100 scienziati,
alcuni esperti di geofisica altri di particelle cosmiche. In quella
occasione ho presentato il rivelatore di radon, ho rivelato i dati che
dimostrano l’efficienza dello strumento ed ho dimostrato la correlazione
tra l’allarme generato dal Precursore e l’evento sismico.

***********************************

articolo su repubblica:

link su repubblica.it

“Così posso prevedere i terremoti
In Abruzzo ci sono 5 apparecchi”

ROMA – Giampaolo Giuliani, il tecnico denunciato per procurato allarme
dopo aver previsto che un terremoto di grande entità avrebbe potuto
colpire la zona di L’Aquila, era stato intervistato il 24 marzo anche
dal blog DonneDemocratiche.it . Nell’intervista, dopo aver raccontato
com’è nato il suo apparecchio, aveva corretto la sua prima previsione,
dicendo: “Mi sento di poter tranquillizzare i miei concittadini”.
In un’altra intervista, rilasciata ad una tv locale, ora visibile su You
Tube e sul sito di Repubblica.it, era stato più determinato e aveva
detto che una rete di “precursori” potrebbe garantire una capacità
predittiva di grande rilevanza umana e sociale.

Sulle sue dichiarazioni, che in queste ore fanno il giro dei mezzi di
informazione, si sta scatenando una polemica, se è vero che l’Istituto
di Geofisica e Vulcanologia ribadisce oggi in un comunicato ufficiale:
“Si sottolinea la circostanza secondo la quale, allo stato attuale delle
conoscenze, non è possibile realizzare una previsione deterministica dei
terremoti (previsione della localizzazione, dell’istante e della forza
dell’evento). Ciò è vero anche in presenza di fenomeni quali sequenze o
sciami sismici che nella maggior parte dei casi si verificano senza
portare al verificarsi di un forte evento. Una scossa quale quella che
si è manifestata oggi viene normalmente seguita da numerose repliche,
alcune delle quali probabilmente assai sensibili.”

Nell’intervista a DonneDemocratiche, Giuliani specifica che il suo
“precursore sismico” arriva ad anticipare il verificarsi di un terremoto
fino a 6-24 ore prima.

La tecnica è basata sullo studio del “comportamento” dell’elemento
chimico chiamato Radon. Ecco il racconto di Giuliani: “Nel 2001 stavamo
osservando il misuratore di particelle cosmiche presso l’Istituto
quando, in corrispondenza del terremoto in Turchia, rilevammo una
quantità straordinaria, rispetto al solito, di radon. Così ho impiegato
quasi 2 anni per realizzare da solo uno strumento in grado di rilevare
il radon, iniziai ad osservarlo ed a studiarlo, e con l’aiuto di un
sismografo mi resi conto che la concentrazione di radon aumentava in
corrispondenza di un evento sismico. Nel 2002, ad esempio, in
corrispondenza del terremoto di S. Giuliano, registrammo valori 100
volte maggiori alla norma, ma disponendo di 1 solo precursore sismico
eravamo in grado di emanare un allarme per un evento sismico che distava
più di 50 km da L’Aquila, senza poter fornire altre informazioni circa
la collocazione o la direzione dell’evento stesso. Oggi con 5 precursori
saremmo in grado di essere molto più precisi, triangolando i dati ed i
segnali di concentrazione del radon”

Dopo aver fornito elementi utili sulle caratteristiche del Radon,
Giuliani dice che il suo apparecchio non si trova nel campo della
teoria, me ne esistono già cinque esemplari:” “I 5 Precursori sismici si
trovano a Coppito, nel Laboratorio del Gran Sasso (ospite dell’INFN),
presso la scuola De Amicis, a Fagnano e a Pineto; sono tutti a più di 3
metri sotto terra e in corrispondenza di un evento sismico rilevano
nello stesso momento, lo stesso segnale creando un grafico perfettamente
sovrapponibile.”

Poi Giuliani entra nel merito degli allarmi che si sono verificati in
Abruzzo e della sua previsione: “I dati ottenuti in questi 9 anni di
studi, ci hanno consentito di rilevare un rischio sismico maggiore nel
periodo invernale che va da novembre ad aprile. Senza voler banalizzare,
ma per semplificare i concetti, posso aggiungere anche che l’attività
sismica è strettamente correlata alle fasi lunari. In particolare
quest’anno, il sistema Terra-Luna, si è venuto a trovare al Perielio
(punto più vicino al Sole, in inverno) con la Luna nello stesso periodo
alla minima distanza dalla Terra, e con il Pianeta Venere allineato, in
fase di Venere piena anch’essa vicina. L’attrazione gravitazionale delle
masse sulla Terra hanno intensificato l’effetto marea sul nostro
pianeta, rendendo gli eventi sismici più rilevanti, rispetto agli altri
sciami, cui siamo stati interessati negli anni precedenti. Mi sento di
poter tranquillizzare i miei concittadini, in quanto lo sciame sismico
andrà scemando con la fine di marzo.”

Ma evidentemente il metodo non è ancora accettato uniformemente.
Giuliani descrive così l’atteggiamento della comunità scientifica: “Mi
osserva con interesse … una parte mi da fiducia, come dimostra anche
il Direttore dell’INFN che mi ha messo a disposizione un locale per
ospitare uno dei 5 Precursori sismici; una parte è un po’ più cauta e
scettica.”

(6 aprile 2009)

cit off


Interviste audio a Giuliani del 6 aprile 2009:
su Corriere.it

su affari italiani

sul tg3

su Porta a Porta

IdV-Ciampino-Blog

Annunci

0 Responses to “Per non piangere poi ..”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Calendario

aprile: 2009
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Categorie

Commenti Recenti

salvatore su MANIFESTAZIONE 13 MARZO 2010 O…
Valentina73 su 17 giugno 2011 ore 21:00 diret…
Miriam Pellegrini Fe… su Come si vota? [amministrative…
web master idv ciamp… su Comunicato 05-01-2011
vincenzo su Comunicato 05-01-2011

Flickr Photos

Categorie


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: