Archivio per 3 gennaio 2010

Lodo de Magistris [fantascienza?]

Subject:
Lodo de Magistris [fantascienza?]
Date:
Sun, 03 Jan 2010 17:14:16 GMT
From:
L
Organization:
[Infostrada]
Newsgroups:
it.politica, it.cultura.filosofia, it.media.tv

dal blog di Luigi de Magistris:
http://www.luigidemagistris.it/

++
cit on
++

Scappare dai tribunali e dalla legge ad ogni costo? Lodo Alfano, Lodo
Alfano Bis, Lodo Costa, processo breve, ddl intercettazioni, riforma
della Consulta, ritocco del concorso esterno? Basta, siamo stanchi e c’è
da chiedersi, citando Cicerone, per quanto tempo ancora questo novello
Catilina abuserà della nostra pazienza. Forse sarebbe saggio che
qualcuno proponesse veramente un Lodo, ma per salvare il paese da
Berlusconi. Qualche idea me la sono fatta e in osservanza alla prassi
inaugurata dal governo, lo chiamerei “Lodo de Magistris”. Pochi punti da
definire insieme e non serve nemmeno cambiare la Costituzione , perché
approvato in sua difesa, e se anche ci fosse un referendum, credo
passerebbe con grande consenso. La proposta di fondo è questa:
garantiamo a Berlusconi la possibilità di lasciare l’Italia senza
conseguenze. Non c’è trucco e non c’è inganno: solo il bisogno di
ritornare ad essere una nazione democratica e civile. Un volo di Stato
-sembra gli piacciano tanto- con annesso Apicella e magari una graziosa
signorina. Destinazione? Consigliamo le isole Cayman, che risultano
affini persino ad uno dei tanti soprannomi che si è conquistato con anni
di (dis) onorevole carriera: il caimano. Sarebbe per lui un modo per
ritrovare, magari, anche qualche vecchio capitale messo in salvo
all’estero. E se si annoia? Qualche cavallo e stalliere di fiducia li
potrebbe trovare anche lì. Ci permettiamo di suggerire una sola
accortezza: che non si chiamino Vittorio e non frequentino Marcello. Il
rischio infatti è che anche alle Cayman la storia si ripeta: coppole e
appalti nelle isole esotiche sarebbero indigeribili. Carta e tv liberate
potranno riprendere a fare il loro dovere: informare sui fatti, gli
stessi che da anni cerca di occultare perseguitando i giornalisti anche
se pongono solo domande, cioè fanno il loro mestiere, ovviamente quelli
che sopravvivono all’infezione dell’ autocensura preventiva. Il
Parlamento tornerebbe al proprio compito perché svincolato dalla sua
agenda giudiziaria che oggi detta i temi, anzi il tema alle istituzioni:
le necessità giudiziarie del fuggitivo da garantire prima di quelle
degli italiani. La magistratura non più costretta agli assaliti
quotidiani potrebbe dedicarsi senza timore alla missione che le spetta e
le mafie non si sentirebbero più di poter spadroneggiare indisturbate.
Per le casse dello Stato il guadagno sarebbe altissimo, per non parlare
di quello dell’etica pubblica. Finito l’inquinamento di tutti gli ambiti
economici e mediatici, il mercato finalmente alleggerito dalla cappa del
suo conflitto di interessi, forse riprenderebbe a girare normalmente. E
le somme ritrovate, anche con una lotta all’evasione certa, potrebbero
essere investite nella formazione e nell’istruzione: una sorta di 8 per
mille dell’antibelusconismo. Ma soprattutto noi non sentiremo più quel
mantra che riecheggia dai contesti internazionali alle riunioni
riservate e che vuole comunisti, bandiere rosse, manette impazzite
accanirsi contro un solo uomo. Finalmente in questa patria liberata non
ci saranno più scudi fiscali e lodi ad personam, decreti razzisti e
leggi fondamentaliste, emendamenti che ridanno alle mafie ciò che lo
Stato ha tolto loro. E noi? Noi semplicemente torneremo ad essere un
paese normale, degno dell’Europa e della civiltà democratica.
Fantascienza? Forse. Sicuramente la stessa a cui ci ha abituati con le
sue dichiarazioni e le sue azioni politiche surreali: diciamo degne di
un altro pianeta, se esiste.

++
cit off
++

Dal corriere.it:
http://www.corriere.it/politica/10_gennaio_02/de_magistris_lodo_berlusconi_4b219fb8-f7b8-11de-8d00-00144f02aabe.shtml

++
cit on
++

La polemica

De Magistris: «Il mio lodo per Berlusconi:
vada via dall’Italia senza conseguenze»

L’esponente Idv: «Un volo con Apicella e una graziosa signorina».

Bondi: «Frasi di una gravità inaudita»

MILANO – L’eurodeputato dell’Idv Luigi De Magistris lancia il «Lodo de
Magistris» per il presidente del Consiglio. «La proposta di fondo –
scrive l’ex magistrato sul suo blog – è questa: garantiamo a Berlusconi
la possibilità di lasciare l’Italia senza conseguenze. Non c’è trucco e
non c’è inganno: solo il bisogno di ritornare a essere una nazione
democratica e civile». Frasi che provocano la dura reazione di numerosi
esponenti della maggioranza: il ministro dei Beni Culturali, Sandro
Bondi, afferma che si tratta di parole di «gravità inaudita». «Mentre
detto questo commento – afferma – avverto immediatamente che esso è
insufficiente ad esprimere il necessario sdegno verso l’esponente del
partito di Di Pietro e provo anche lo sconforto di prevedere che le
parole pronunciate da questo ex magistrato (che disonora la funzione
prima della giustizia e ora della politica) non susciteranno la
riprovazione né del suo partito né della maggior parte degli esponenti
della sinistra, che pure non possono non provare imbarazzo e vergogna
per un tale compagno di viaggio». Anna Maria Bernini, del Pdl, dichiara
che «la delirante intemerata dell’europarlamentare De Magistris non va
sottovalutata né relegata nella categoria dell’umorismo becero in
perfetto stile Idv. Si tratta di vilipendio di una fondamentale
istituzione dello Stato, posto in essere da un rappresentante
dell’Italia in Europa. E non certo per motivi ideali».

SUL BLOG – Il messaggio dell’ex magistrato appare sotto una foto di
Silvio Berlusconi, pubblicata in Rete. De Magistris propone «un volo di
Stato con annesso Apicella e magari una graziosa signorina.
Destinazione? Consigliamo le isole Cayman. E se – domanda – si annoia?
Qualche cavallo e stalliere di fiducia li potrebbe trovare anche lì.
Carta e tv liberate potranno riprendere a fare il loro dovere: informare
sui fatti. Il Parlamento tornerebbe al proprio compito perché svincolato
dalla sua agenda giudiziaria che oggi detta i temi, anzi il tema alle
istituzioni. La magistratura non più costretta agli assalti quotidiani
potrebbe dedicarsi senza timore alla missione che le spetta e le mafie
non si sentirebbero più di poter spadroneggiare indisturbate. Per le
casse dello Stato il guadagno sarebbe altissimo, per non parlare di
quello dell’etica pubblica. Ma soprattutto noi non sentiremo più quel
mantra che riecheggia dai contesti internazionali alle riunioni
riservate e che vuole comunisti, bandiere rosse, manette impazzite
accanirsi contro un solo uomo».

PD E UDC – In serata arrivano le reazioni di Pd e Udc. «Francamente mi
stupisco di chi si stupisce delle affermazioni dell’on. De Magistris –
afferma il deputato del Pd Giorgio Merlo. – È da mesi che il partito
dell’Italia dei valori ci abitua ad un linguaggio ispirato
dall’estremismo verbale, dove l’avversario politico è un nemico da
abbattere. Semmai, l’unica considerazione politica da fare è che le
parole dell’on. De Magistris rappresentano la perfetta antitesi di ciò
che ha detto solennemente il Presidente della Repubblica». Secondo il
presidente dei senatori Udc Gianpiero D’Alia, «la provocazione di De
Magistris sul Presidente del Consiglio è inaccettabile. Non si può
ridurre la politica ad una caricatura grottesca che lede il prestigio
delle istituzioni».

02 gennaio 2010

++
cit off
++

Commento:

La sinistra extraparlamentare, i verdi, larghe parti del PD fuori
dall’inciucio di D’Alema & C, il Popolo Viola, e Italia dei Valori, sono
rimasti tra i pochi che non tollerano di sedersi a un tavolo in cui chi
da le carte è Arlecchino servo di due padroni: Lo stato concessionario e
chi ottiene le concessioni dallo stato italiano.

Persino larghe parti della destra liberale e democratica rediviva con
“fare futuro di Fini” si apprestano ad abbandonare la nave che affonda
del PDL+Lega.

Un unico obiettivo primario: la salvaguardia della Costituzione Italiana
e dello stato di diritto.

Nel culto dell’adorazione di un capo, decretato santo e martire perché
mentre che insultava la folla con “vergogna vergogna vergogna” fu
vittima di uno squilibrato .. (e la violenza è sempre da respingere per
chi ambisce ad uno stato di diritto) .. si aggiunge -> la cortina
fumogena di finte riforme per il “che tutto cambi perché nulla cambi”
avendo bene assimilato il “Principe” di turno la lezione del Gattopardo.

http://www.youtube.com/watch?v=fEeLxpw7KWU

L’Italia, però seppe sbarazzarsi del fascismo di Mussolini, capo
idolatrato, e saprà emanciparsi -noi vogliamo democraticamente e
pacificamente- anche dal governo attuale di Mr. B.

Le prossime regionali mostreranno come la propaganda ci bersaglia di
finti sondaggi e l’attuale governo stia affondando.

Chi ha possibilità di informarsi sui disastri già attuati si attivi a
informare chi non può accedere ad internet (copertura della finanziaria
con il tfr dell’inps, spese per il ponte sullo stretto con le strade e
le ferrovie e gli acquedotti in uno sfacelo trascurati, finanziamento
delle spese militari anziché della ricerca e del sistema scolastico,
nessuna proposta per salvare i posti di lavoro e l’economia, se non fare
pagare il 5% ai capitali di probabile illecita provenienza dall’estero e
prorogare tali misure anche nel 2010, etc) ..

Saluti e felicità,

L

Annunci

Calendario

gennaio: 2010
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Categorie

Commenti Recenti

salvatore su MANIFESTAZIONE 13 MARZO 2010 O…
Valentina73 su 17 giugno 2011 ore 21:00 diret…
Miriam Pellegrini Fe… su Come si vota? [amministrative…
web master idv ciamp… su Comunicato 05-01-2011
vincenzo su Comunicato 05-01-2011

Flickr Photos

Categorie

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: