Novità sulla Sorgente Appia a Ciampino?

Etichetta della Acqua Minerale Naturale Appia

Come è noto l’area della Sorgente Appia è un complesso che storicamente è stato uno stabilimento per l’imbottigliamento di una sorgente di acqua potabile ai confini di Ciampino.

Segnaliamo un link che ne ricostruisce la storia su una pagina del Corriere.it:

http://archiviostorico.corriere.it/2004/aprile/08/ventidue_riaprono_sorgente_Appia__co_10_040408006.shtml

[…]

++
cit on
++

Rosella Cesari:

«Fu nel ‘ 94 – ricorda – che si cominciò a parlare di un centro commerciale da costruire nell’ area della sorgente. Il proprietario di allora, Giuseppe Ciarrapico, già controllore di marchi importanti come Fiuggi, Pejo, Recoaro, disse che per salvaguardare l’ occupazione la cosa più saggia sarebbe stata quella di cambiare strada, perchè il mercato dell’ acqua ormai era declinante». Gli impianti, negli anni, da 8 passarono a 2, il ciclo di produzione rallentò fortemente: da 30 mila a 8 mila bottiglie l’ ora, ricorda la signora. Sparirono prima i boccioni di vetro da 2 litri, infine la mannaia cadde sulla linea della plastica. Circolarono in successione voci di accordi con Carrefour, Panorama. Poi, addirittura, Parmalat. Per questo, ora, anche la Procura di Parma vuol vederci chiaro. Certamente, un centro commerciale avrebbe garantito ben altri introiti alle banche che avevano fin lì assicurato la copertura finanziaria degli investimenti. Lo stabilimento chiuse i battenti il 24 aprile dell’ anno scorso, ad agosto partirono le lettere di licenziamento dell’ ultima srl in liquidazione. Ma nel frattempo era nata la cooperativa dei 22 superstiti, che infine ha compiuto il miracolo. A questo punto, però, bisogna parlare pure di un pugno di assessori e consiglieri municipali, che ebbero il coraggio di dire no dall’ inizio a qualunque cambio di destinazione d’ uso, fermando sul nascere il progetto speculativo. Gente come Sandro Medici e Massimo De Simoni, rispettivamente presidente e vicepresidente del X Municipio, Rocco Stellitano consigliere municipale Ds, Tonino D’ Annibale, consigliere regionale Ds. La Regione Lazio, dal presidente Storace agli assessori Saponaro e Simeoni, sono stati addirittura determinanti, assegnando la nuova concessione, per 15 anni, alla cooperativa «Appia Sorgente» e incoraggiando l’ operazione con un contributo a fondo perduto. I soldi, dunque, pochi ma ci sono. E il nuovo marchio è pronto: lo ha realizzato la moglie del segretario della sezione Ds dello Statuario. Il ministero della Salute dal canto suo ha dato l’ ok per quanto riguarda la qualità dell’ acqua. Insomma, finalmente solo belle notizie. Entro la fine dell’ anno – assicura il vicepresidente della cooperativa, Olivio Papili – riprenderà la produzione. Lui stesso è pronto a rimettersi al vecchio posto di combattimento: la macchina che lava le bottiglie. L’ appuntamento per tutti però è fissato a maggio, davanti alle fontanelle. Armati di damigiane e pazienza. Sette centesimi di euro al litro. Tutto scorre. Fabrizio Caccia La storia DAL 1951 Data di nascita della Sorgente Appia: 6 luglio 1951. Sorge su dieci ettari di terreno, l’ ingresso è in via di Ciampino I RECORD Negli anni Settanta la fabbrica raggiunse il record di 90 milioni di bottiglie prodotte, con quasi 700 dipendenti compresi gli stagionali. Poi iniziò il declino LA COOPERATIVA La cooperativa Appia Sorgente, costituita il primo aprile 2003 da 22 ex dipendenti della precedente gestione, ha rilevato l’ impianto. La Regione Lazio ha assegnato loro la concessione per 15 anni. Il canone da pagare sarà di 9500 euro l’ anno

Caccia Fabrizio
++
cit off
++

Ed ecco cosa diceva il sindaco Perandini nel 2004:
http://www.comune.ciampino.roma.it/home/index.php?option=com_content&task=view&id=676

++
cit on
++

Ciampino, 29 luglio 2004

Il Sindaco di Ciampino, Walter Enrico Perandini, è lieto di informare la cittadinanza della riapertura della storica “Fonte Appia”, che avvenuta oggi, giovedì 29 luglio 2004.

“Esprimo – afferma Perandini – a nome mio e di tutta l’Amministrazione comunale di Ciampino le congratulazioni con le maestranze della Società Cooperativa a.r.l. Appia Sorgente per la tenacia con la quale sono riuscite a salvaguardare i livelli occupazionali dello stabilimento in cui hanno lavorato intere generazioni di ciampinesi”

“Saluto inoltre l’ingresso, in qualità di socio, dell’Azienda Servizi Pubblici s.p.a. di Ciampino, certo che ciò possa contribuire al rilancio dello storico marchio commerciale”

Al brindisi in occasione della riapertura – organizzato dalla cooperativa che gestisce la fonte – hanno partecipato, oltre al Sindaco Perandini, molti tra assessori e consiglieri comunali di Ciampino, i vertici dell’Asp s.p.a, l’onorevole Antonio Rugghia ed il Consigliere Regionale Tonino D’Annibale.

“E’ davvero una bella giornata – afferma Rosella Cesari, dipendente dal 1971 e ora Presidente della Cooperativa – speriamo solo la prima di una nuova grande storia di questa stupenda realtà che è la fonte Appia”

++
cit off
++

Cosa c’è di nuovo?

dal giornale “cinque giorni”
http://cinquegiorni.hive.it/Archivio/5/edizione_nord-est(46).pdf

19 giugno 2009:

++
cit on
++
Un centro commerciale al
posto della sorgente Appia
che sta al confine tra il X
Municipio e Ciampino?

L’ipotesi, vagheggiata già
quindici anni fa da Giuseppe
Ciarrapico,
allora proprietario
della sorgente, pare sia
divenuta realtà.
I rubinetti
dai quali fuoriesce acqua
minerale dovrebbero infatti
lasciare il posto a una struttura
di quasi trentamila metri
quadrati. Il progetto è stato
infatti presentato alcuni giorni
fa negli uffici del municipio
di piazza Cinecittà e che
ieri ha scatenato le ire dei
Verdi di Ciampino, secondo i
quali «sarebbe un danno
enorme per il territorio e la
popolazione di Ciampino.

L’area in questione – osservano
gli ambientalisti – è già
satura di centri commerciali
di diversi tipi e dimensioni,
distanti tra loro poche centinaia
di metri, con una ricaduta
pesante sul traffico automobilistico
già congestionato
della zona. Per non parlare
poi del confinante e ingombrante
aeroporto, con il suo
carico di grave inquinamento
per l’intorno».
«Non c’è bisogno di nuovi
centri commerciali, considerando
anche la crisi economica
che coinvolge i numerosi
già esistenti nel quadrante
sud di Roma e che coinvolgono
l’area ciampinese – spiega
il partito in una nota – Nelle
vicende che negli anni hanno
coinvolto la Sorgente Appia,
ora in gestione alla cooperativa
che ha i diritti di sfruttamento
della fonte
, ci risulta
che una parte dell’area fosse
stata acquisita dalla
Provincia di Roma per
favorire l’utilizzo dell’acqua
minerale. Chiediamo
quindi ai vari Enti interessati
per le rispettive competenze
(X Municipio,
Comune di Roma,
Provincia di Roma,
Regione Lazio) la massima
chiarezza su questo
prospettato scempio,
dando risposte certe, una
volta per tutte, in merito
alla destinazione dell’area
e, soprattutto, di coinvolgere
nelle decisioni il
comune di Ciampino che
sopporterebbe i maggiori
danni da questo sciagurato
progetto». I verdi invitano
infine l’amministrazione
ciampinese a intervenire
in «tutte le sedi
opportune per esprimere
la netta contrarietà al progetto
di centro commerciale».
++
cit off
++

Un piccolo approfondimento:

La lettera dei Verdi:

http://www.ciampinonet.it/posta/email/cs_sorgente_appia180609.pdf

Alcuni retroscena riprese da questo link:
http://www.unaviaxoriana.it/cgi-bin/uvpo/index.cgi?action=viewnews&id=255

++
cit on
++

27/05/2008

IL SINDACO PERANDINI E DE STEFANO, DIRETTORE ASP, COINVOLTI IN UNA OSCURA TRATTATIVA

IL VICESINDACO SERGIO PEDE FORTUNATAMENTE HA SVENTATO LA SVENDITA DELLA NOSTRA SORGENTE E RICHIESTO URGENTEMENTE LE DIMISSIONI DEL VERGOGNOSO DEMETRIO DE STEFANO.
PERANDINI, RESPONSABILE COME DE STEFANO, LO HA SUBITO FATTO FUORI.

Sul sito http://www.democratici.name/profile/article.html

potete trovare tutti i documenti numerati di cui si parla in questo articolo.

Questo è il resoconto sulla trattativa per la vendita delle quote della sorgente Appia dall’ASP.

Il 13 luglio SCORSO viene recapitato ad alcuni componenti della giunta (non a tutti) un protocollo d’intesa (documento 2) accompagnato da una relazione a firma del direttore generale dell’Asp, Dr. Demetrio De Stefano (documento 1) nel quale si affermava che, viste le difficoltà riscontrate nell’applicare le strategie che si erano prefissate per l’avvio e lo sviluppo dell’attività industriale e commerciale nell’area dove sorge la sorgente Appia, sarebbe stato opportuno vendere le quote della società. Fa intendere, nelle conclusioni, che l’offerta della DIEMME COSTRUZIONI è la migliore pervenutagli e si raccomanda di valutare l’offerta “in via esclusiva”.

Questa relazione convince solo parzialmente alcuni componenti della giunta perché fino a pochi giorni prima De Stefano era convinto ed entusiasta riguardo l’interessante sviluppo industriale e commerciale di quell’area.

Si era parlato anche dell’ intenzione di acquistare a breve un macchinario, di seconda mano, per l’imbottigliamento dell’acqua e sembra che per questo macchinario, del costo alcuni milioni di euro, era stata gia data una sostanziosa caparra.
Improvvisamente si decide di vendere frettolosamente a terzi. Perchè?
Il Sindaco Perandini ovviamente appare convinto della bontà dell’operazione.

II protocollo d’intesa fra la DIEMME COSTRUZIONI e ASP (documento 2) fa nascere ai “soliti” componenti della giunta ancora più dubbi, in particolare riguardo all’articolo 2 nel viene specificato il prezzo di acquisto, che però resta subordinato ad eventuali debiti, e nell’articolo 3 dove si concorda che la cessione delle quote dovrà avvenire entro e non oltre il 20 luglio 2007.

La domanda a questo punto è: perchè tanta fretta per vendere una cosa pubblica?
Poi c’è l’articolo 5 dove le parti si impegnano a mantenere segreta e a non divulgare a terzi l’esistenza della trattativa. Ma l’ASP non è un’azienda pubblica? E allora perchè una trattativa deve rimanere segreta e riservata, CUI PRODEST?

Comunque il Sindaco sempre più convinto della bontà dell’operazione ci raccomanda di licenziare positivamente la delibera (documento 3) in cui si dà mandato all’ASP di procedere nell’operazione. Lui non sarà presente perchè è in partenza, indovinate per dove? Esatto, per il Brasile.

Ma, malgrado la volontà di mantenere la trattativa segreta, qualcuno ne è venuto a conoscenza infatti, il 19 luglio scorso, giorno in cui si riunisce la giunta, viene protocollata una lettera (documento 4) della CASALETTO IMMOBILIARE , nella quale si dichiara la disponibilità della suddetta ad aprire una trattativa per l’acquisto delle quote dell’ASP ad una cifra notevolmente superiore a quella offerta dalla DIEMME.

La giunta, preso atto di questa ultima offerta, annulla la delibera precedente e ne stila un’altra, approvata all’unanimità, in cui si ritiene “doveroso, a fronte di una offerta nuova, qualificata in euro 900.000,00, di procedere ad un approfondimento della stessa, nell’interesse della comunità e dei cittadini, i cui interessi l’Amministrazione è chiamata a tutelare.”

Viene deciso quindi di aggiornare la giunta al 26 luglio.

Il 26 luglio il sindaco facente funzione Sergio Pede (ricordate sempre che Perandini era ormai da molti giorni in Brasile ed ufficialmente era all’oscuro di tutto) porta in giunta, quel giorno formata solo da sei elementi, la definitiva delibera (documento 6 ) che sostanzialmente sancisce la posizione dell’amministrazione rispetto a questa vicenda.

Di fatto con tale delibera l’Amministrazione dava mandato all’ASP di procedere alla dismissione delle quote ma con la massima “trasparenza e comprensibilità” e soprattutto a un prezzo comunque non inferiore all’ ultima offerta pervenuta, e senza previlegiare alcun pretendente.

Il comportamento della giunta, in quella occasione orfano del sindaco, è stato responsabile ed equilibrato, e a nessuno in quel momento è passato per la mente che questa vicenda si sarebbe tracinata per molti mesi senza essere risolta.

Al ritorno del Sindaco Perandini dal suo viaggio in Brasile, Sergio Pede chiede le dimissioni di Demetrio De Stefano, non solo per questa vicenda, ma per anche per tutte le situazioni precedendi, di cui la più eclatante è la vicenda AMA-Senegal
http://www.unaviaxoriana.it/cgi-bin/uvpo/index.cgi?action=viewnews&id=253
che stanno richiando di far finire l’ASP in bancarotta.

Il Sindaco fa intendere chiaramente che De Stefano deve essere considerato intoccabile e, piuttosto che mandare via lui, avrebbe azzerato la giunta, e così ha fatto.

Nel frattempo la Casaletto Immobiliare ha riscontrato molte difficoltà per portare a termine la trattativa, trattativa che ad oggi ancora non si è conclusa, anzi è finita in tribunale.

Mi è stato promesso dal responsabile della Casaletto Immobiliare che appena possibile mi ragguaglierà su tutta la storia fornendomi la rispettiva documentazione.

Sarebbe interessante sentire anche qualche responsabile dell’ASP per sapere per quale motivo una trattativa che con la Diemme Costruzioni si sarebbe chiusa frettolosamente in pochi giorni e a una cifra oggettivamente inadeguata, non si è conclusa, anzi è finita addirittura in tribunale con la Casaletto Immobiliare che offriva il doppio della cifra.

Alla prossima puntata ne sapremo di più…

http://apriamogliocchi.wordpress.com/2008/04/10/scandalo-a-ciampino/
—————————————
A poca distanza dalla sorgente Appia si trova il campo nomadi la Barbuta
LA BARBUTA, VERGOGNA A CIELO APERTO – DISCARICA
http://apriamogliocchi.wordpress.com/2008/02/21/barbuta-vergogna-a-cielo-aperto/
Leggete l’articolo, perché tale situazione potrebbe essere collegata a quanto riportato sopra.

“Esiste poi un grave problema sicurezza dice la signora Cesari presidente della cooperativa Appia Sorgente, che rispetto al campo della Barbuta si trova dall’altra parte della strada ha subito parecchie intrusioni”. “L’ultima – ricorda – a gennaio: hanno sfondato la rete con un furgone, fatto incetta di cavi elettrici, distrutto un macchinario. Danni per 30mila euro”.
“La sera – conclude Il Giornale – i nomadi della Barbuta accendono fuochi, bruciano auto e montagne di copertoni. Una colonna di fumo nero si alza in cielo e a seconda da che parte tira il vento o fa capolino sul Gra, che passa lì accanto, o sulla pista dell’aeroporto”.[…]
++
cit off
++

*****************************************************************

INTERVISTA AD ANTONIO RUGGHIA
DEPUTATO DEL COLLEGIO CHE COMPRENDE CIAMPINO ED EX
SINDACO

Intervista realizzata a maggio 2006
Colibrì
http://www.ciampinonet.it/

++
cit on
++

Per quanto riguarda in particolare le iniziative fatte qui sul territorio,
voglio ricordare l’interpellanza che ho presentato sulla sorgente Appia.
L’interpellanza è stata firmata praticamente da tutto il gruppo DS alla camera, ed ha impedito la trasformazione in centro commerciale della sorgente (anche perché coloro che presentavano quella proposta erano stati inquisiti per falso per cose analoghe a Frosinone). In aula ho presentato inoltre molte altre proposte e interrogazioni che avevano ricadute sul nostro territorio.

++
cit off
++

*****************************************************************

Ultime notizie:

dal link di facebook seguente:

http://www.facebook.com/event.php?eid=293965795971&ref=mf

Centro Commerciale APPIA: un vero affare??
meglio un centro commerciale al posto della sorgente?
Tipo:
Incontri – Riunione informativa
Rete:
Globale
Data:
giovedì 28 gennaio 2010
Ora:
17.30 – 19.30
Luogo:
Ristorante BRUNCH
Indirizzo:
Via Lucrezia Romana 65
Città/Paese:
Ciampino, Italy

Descrizione:

L’ Associazione “PENSARE CIAMPINO” è lieta di invitarvi ad un incontro informativo riguardo alla possibile costruzione del “CENTRO COMMERCIALE APPIA” che potrebbe sorgere a discapito della sorgente, a due passi dal campo nomadi (in procinto di espansione).

E’ UN VERO AFFARE o L’ENNESIMO PROBLEMA?

A rispondere a questa domanda ci saranno assessori della provincia e della regione ed altre personalità del nostro territorio…

Grazie per quanti di voi parteciperanno!

IdV Ciampino Blog

Annunci

0 Responses to “Novità sulla Sorgente Appia a Ciampino?”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Calendario

gennaio: 2010
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Categorie

Commenti Recenti

salvatore su MANIFESTAZIONE 13 MARZO 2010 O…
Valentina73 su 17 giugno 2011 ore 21:00 diret…
Miriam Pellegrini Fe… su Come si vota? [amministrative…
web master idv ciamp… su Comunicato 05-01-2011
vincenzo su Comunicato 05-01-2011

Flickr Photos

Categorie


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: