Archivio per gennaio 2011



Chiude il CTO a Roma: polvere eravate e polverini diventerete?

foto n1 (Ospedale “San Giuseppe a Marino”)

foto n2 (Ex  sede Ospedale San Giuseppe a Ciampino: dopo il tropical Zoo, Via 4 Novembre)

Premesso che CTO significa Centro Traumatologico Ospedaliero e stiamo trattando del “Ospedale CTO Andrea Alesini a Roma”

che la Polverini minaccia di chiudere!

http://roma.repubblica.it/cronaca/2011/01/10/news/sanita_-11052916/

I fatti di ciò che succede a Roma devono interessare Ciampino?

A Ciampino non tutti sanno che avevamo un punto di pronto soccorso (Ospedale San Giuseppe: foto n2) la cui proprietà dell’immobile vinse la causa con il Comune di Ciampino dopo che il Comune (nei relativi avvocati di parte) non si presentò alle udienze in cui si discuteva della legittimità di chiuderlo.

Ecco la storia:

http://it.wikipedia.org/

Allo stato attuale a Ciampino non chiudono le attività sanitarie pubbliche *perché Ciampino NON ne ha!*

Noi come IDV Ciampino siamo per crearle! ..

.. la politica da sceriffo di Nottingham del governo -*chiunque sia la governo!*- di prendere con le tasse e non dare servizi essenziali come quello alla salute deve finire perché c’è il diritto alla tassazione non per depredare la collettività ma per garantire la convivenza civile.  Ribadiamo che -però- il problema non è di classificare una politica di devastazione di un territorio come di destra o di sinistra. Il problema è stare *ai fatti*: i fatti dicono che a Ciampino non c’è neanche un *punto di primo soccorso*, né alcuna assistenza sanitaria pubblica! .. né si è stati capaci di crearla! .. i fatti dicono che si è previlegiato il “partito dei costruttori” e non si è badato all’ambiente, alla sanità, alla viabilità, alla gestione non parassitaria della asp e dell’azione nella amministrazione del territorio tanto che vi sarebbero gravi difficoltà con il sequestro degli automezzi del comune di Ciampino. Alla amministrazione uscente che ora ripropone Lupi -perché tornino i tempi cupi- chiediamo di spiegare la situazione finanziaria delle casse comunali e perché l’ambiente, la sanità, la viabilità, l’inquinamento, sono stati temi trascurati insieme al progetto di una città in cui vi fosse un polo culturale, con cinema, teatri, luoghi di aggregazioni pubblica. A Simone Lupi che teorizza: “ho imparato a _sognare_ il nostro futuro in Comune” rispondiamo: è vero! Lupi .. il futuro in Comune di Ciampino *te lo sogni!*

more info sulla sanità polverizzata nel Lazio:

da facebook:

link

Annunci

Basta con gli indugi!

Comunicato 7 gennaio 2011 IDV Ciampino

Sì, è proprio il caso di dire basta con questi tatticismi da prima Repubblica!!

Noi dell’idv di Ciampino abbiamo trascorso più di due mesi nell’incontrare tutti i gruppi politici di Ciampino, abbiamo cercato di osservare ed analizzare senza interposte persone le idee che ci possono unire e le differenze che fanno sì che ciascuna formazione politica sia unica e specifica.

Alla fine credo che il quadro sia completo e mi permetto di darne conoscenza a chi voglia. L’analisi e’ stata compiuta tenendo in considerazione i partiti politici a 360°, ed in questo viaggio ci siamo imbattuti in: “politicanti” che altro non vogliono che una poltrona sicura e magari “comoda”; in altri che mi permetto di chiamare “voltagabbana”, pronti a prendere il nostro taxi, ma altresì pronti a scendere in “corsa”; altri ancora che non capendo più quale sia il loro “status” nella politica Italiana sono risultati “sbandati” e “confusi”a tal punto che si sono trovati ad approvare deroghe al PRG del nostro comune con incrementi di cementificazione maggiori, tradendo la loro bandiera che una volta era la salvaguardia del “verde”.

Insomma avete capito che scenario abbiamo conosciuto in questi incontri “ravvicinati”, ma in tutto questo panorama negativo abbiamo anche preso in seria considerazione altri gruppi politici ricchi di “idee” e persone perbene!!!!

Ed e’ a questi che mi rivolgo:

Via gli indugi, è ora di uscire allo scoperto! E’ ora di confrontarci più a fondo circa le politiche future per il nostro paese. E’ ora di dire se si ha voglia di partecipare al governo della città e mandare a casa una casta legata solo da interessi “particolari”.

Tra pochi giorni si consumerà l’ennesima farsa con le pseudo primarie di coalizione dove tutto e’ stato gia’ scritto ed accettato, segno premonitore di cio’ che ci aspettera’ se malauguratamente questa triade di ex sindaci dovesse vincere…

E allora????

Su la testa e abbattiamo il regime!!!

Sì perche’ di regime si tratta!!!!

Noi siamo pronti, non abbiamo indugi, abbiamo idee chiare ed obbiettivi fissati!!!!!

Enrico Isidori
Coordinatore Cittadino IDV Ciampino

Io voto Elio Santoro!

io voto Elio Santoro!

Tutte le foto:

http://www.flickr.com/photos/29713885@N08/sets/72157625765007056/show/

La nuova fiat appartiene a tutti noi? [buona epifania]

vignetta: Marchionne

Fincantieri ha già annunciato -secondo Landini di FIOM intervistato su rainews- che si propone di uscire da Confindustria e cambiare il contratto nazionale di categoria come ha fatto  Marchionne, colui che sta impostando la nuova schiavitù in Europa.

Le condizioni proposte sono così inutili e provocatorie -poiché la produttività si può aumentare senza danneggiare la salute di chi lavora imponendo turni senza pause- (mentre va migliorato il valore della merce prodotta grazie alla ricerca e alla innovazione e alla distribuzione degli utili non solo ai manager, ma anche agli operai che hanno contribuito con il loro lavoro alla produzione) ..

*Le condizioni proposte sono così inutili e provocatorie* -ribadisco- che molti osservatori hanno il sospetto che siano fatte apposta per essere respinte e potere portare all’est la produzione o dandola a uomini in schiavitù o direttamente a robot, come già oggi sarebbe possibile se i robot non avessero dei costi ancora superiori alla manodopera umana, meno se sub-umana.

A questo nuovo modo di fare collassare la convivenza civile ..

Italia di Valori dice di NO!

Dice di NO! .. non per partito preso ma perché un altro modo di vivere insieme è possibile ma serve legalità e trasparenza di come si fa ogni attività umana che deve essere a favore di tutti e non di pochi che schiacciano la maggior parte delle persone, la quasi totalità delle persone ridotte in povertà e disperazione.

Dice di NO!.. sapendo offrire soluzioni possibili e alternative basate sul sindacare se vi sono i margini di profitto lasciando un reddito che non perde di capacità di spesa nelle condizioni di chi si deve garantire il diritto al cibo, alla casa, a potere formarsi una famiglia e tutte le garanzie minime di un benessere che deve essere diffuso e non concentrato in modo monopolitistico e di cartello.

Ciò può e deve essere fatto dalla politica.

Una politica che non si lascia corrompere dal capitale e che non lasci mano libera a chi schiaccia e butta in mezzo alla strada una intera società.

Bisogna partire dal rispetto degli altri e garantire a tutti i diritti fondamentali dell’uomo.

Se la parola flessibilità dovesse divenire il sinonimo di ridurre in schiavitù ed emarginazione e fatalmente verso una guerra civile i popoli e le nazioni, noi saremo dalla parte di coloro che rivendicano la democrazia e il diritto alla trasparenza e alla informazione di come è amministrata la cosa comune.

La nostra intelligenza non si farà trascinare nella violenza e vincerà perché saprà capace di convincere.

Se non si darà fiducia a chi propone la legalità -allora- la nostra civiltà sarà spazzata via dai *nuovi barbari in bastone e cilindro* .. dal turbo capitalismo .. che segherà il ramo su cui era seduto .. ma la responsabilità sarà anche di chi non si è informato di chi rubava, di chi *uccideva il nostro futuro* sia che fosse a destra & sia che fosse a sinistra perché i nuovi ladri hanno magliette di tutti i colori e necessita smascherarli dietro qualunque travestimento si nascondano ..

auguri di una buona epifania!

http://www.etimo.it/?term=epifania

Comunicato 05-01-2011

 

CIAMPINO, IDV: CONTINUA LA CEMENTIFICAZIONE, NOI VERA ALTERNATIVA AL PARTITO DEI COSTRUTTORI

“Avanti a tutta forza!! Il consiglio comunale di Ciampino convocato d’urgenza il giorno 22 dicembre 2010 presso il centro polivalente ‘Cipollaro’ approva varianti al Piano regolatore generale. Si continua insistentemente a cementificare il territorio comunale. Abbiamo un numero di abitanti per chilometro quadrato superiore al doppio di quello della Capitale! Basta con questo modo di fare”. È quanto denuncia, in una nota, l’Italia dei Valori di Campino. “L’opposizione consigliare – si legge nella nota – continua a non esprimersi e preferisce abbandonare l’aula al momento del voto acconsentendo di fatto alle azioni della maggioranza. L’assetto del territorio, con questa continua cementificazione, non è più sostenibile in quanto sta minando gravemente la salute pubblica soprattutto per le persone più deboli, come bambini e anziani”. Secondo l’Italia dei Valori di Ciampino “non è più possibile avallare le pretese del privato a danno della comunità cittadina. Da tempo –  sottolinea la nota dell’Idv – cerchiamo di far comprendere che esiste un unico partito dei costruttori trasversale alle forze politiche presenti all’interno dell’amministrazione comunale. Questo perché è sempre più evidente il distacco tra le dirigenze di partito e gli iscritti. Italia dei Valori – prosegue la nota – si propone come forza di opposizione vera, alternativa e aggregante di chi abbia a cuore il futuro di Campino. Noi abbiamo intenzione di cambiare radicalmente il modo di amministrare questa città con un programma, serio, onesto e trasparente”.


Calendario

gennaio: 2011
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Categorie

Commenti Recenti

salvatore su MANIFESTAZIONE 13 MARZO 2010 O…
Valentina73 su 17 giugno 2011 ore 21:00 diret…
Miriam Pellegrini Fe… su Come si vota? [amministrative…
web master idv ciamp… su Comunicato 05-01-2011
vincenzo su Comunicato 05-01-2011

Flickr Photos

Categorie

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: