MA L’AEROPORTO DI CIAMPINO E’ DI CIAMPINO? .. [di Elio Santoro candidato Sindaco 2011]

alt

L’AEROPORTO PASTINE di CIAMPINO è in buona parte nel territorio del Comune di Roma mentre solo per alcuni tratti a sud ed est è nel territorio del Comune di  Ciampino. Comunque sia tale Aeroporto è stato creato per scopi militari e in seguito  utilizzato per i voli civili internazionali non esistendo ancora il Leonardo da Vinci di Fiumicino. In seguito è ritornato ad essere in prevalenza utilizzato per voli militari e di Stato. Per un lungo periodo è stato utilizzato oltre che per i voli militari e di Stato prevalentemente per i voli charter, quei voli organizzati dalle Agenzie per raggiungere alcuni paradisi o presunti tali. L’ultima trasformazione ha celebrato l’ingresso delle cosiddette compagnie low cost con un importante incremento dei voli. Milioni di persone da tutta Europa utilizzano l’aeroporto di Ciampino per il turismo. Oltre la capitale sono quasi costretti a visitare Ciampino, poiché le linee autoferrotranviarie transitano per la città, collegando l’aeroporto con la stazione ferroviaria, con la metropolitana e con le linee autobus.

A Ciampino, l’inquinamento atmosferico ed acustico è molto, ma molto superiore a qualsiasi altro centro urbano di tali proporzioni. Abbiamo una attività edilizia selvaggia che ha strozzato il piano urbanistico e la viabilità partorendo l’orrido unico tronco viario che attraversa la città con intasamenti giornalieri di immani proporzioni. Statisticamente provato il tempo di percorrenza media tra via Morena e via Mura dei Francesi di circa 15/16 minuti, e si tratta di circa due chilometri e mezzo!

Per la soluzione del problema “Aeroporto” è impensabile parlare esclusivamente di abolire l’aeroporto stesso, ma è decisamente necessario, impellente ed improcrastinabile puntare alla riduzione dei voli per arrivare ad un traffico di circa 70 voli giornalieri (60 sarebbero ancora meglio): Ed è certamente da porre in rilievo la seria indagine epidemiologica S.E.R.A.

alt

http://www.italiadeivalori-ciampino.it/docs/rapporto_ciampino_sera.pdf

che evidenzia la effettiva correlazione tra l’altissimo inquinamento acustico prodotto e i danni di vario genere di cui è sofferente la salute dei cittadini di Ciampino. E’ quindi di tutta evidenza che l’azione del futuro Sindaco deve essere improntata a far valere i diritti alla salute dei propri concittadini attraverso azioni più incisive, ma anche più ragionate, portando a specifiche riunioni di lavoro con tutte le autorità interessate (non solo aeroportuali) ove si cerchi attraverso un’ acuto piano “diplomatico” di raggiungere per fasi estremamente brevi un risultato ottimale per una risoluzione ragionata che vada bene a tutti e, al tempo stesso possa anche fornire un qualcosa di utile per la cittadinanza.

A grandi linee si potrebbe, quindi ottenere un PATTO D’ INTENTI pressapoco basato sui seguenti punti:

  • BARRIERE ANTINQUINAMENTO ACUSTICO verso l’abitato cittadino;
  • MONTAGGIO DOPPI VETRI insonorizzati ALLE FINESTRE delle case prospicienti il sedime aeroportuale;
  • BOLLETTINO SULLA SALUTE AMBIENTALE diffuso semestralmente con installazione permanente di almeno quattro centraline di monitoraggio;
  • ACCETTABILITA’ di un comune patto d’impatto ambientale;
  • ALLONTANAMENTO ATTUALI VETTORI LOW COST con inserimento di VETTORI DI LINEA disponibili ad effettuare i collegamenti necessari con le maggiori città europee (nr. 12 città per voli un volo di andata e di ritorno giornaliero pari a nr. 24 voli complessivi) ;
  • utilizzo della zona tra il G.R.A. e la rotabile esterna al sedime aeroportuale per innesto di una larga fascia di conifere o piante aghiformi che abbattono fino all’80% delle polveri sottili e sotto questa zona boschiva è possibile creare un parcheggio di scambio con i servizio di linea di collegamento con Roma , sgomberando il fatiscente campo nomadi attuale (che sarà meglio evidenziato in altro argomento) , pericolosissimo perchè sottostante il cono di volo.
  • DIMINUIZIONE DEI VOLI GIORNALIERI a circa 70 di cui 30 circa per voli di collegamento europeo e nazionale;
  • DISPONIBILITA’ NUOVO RIPOSIZIONAMENTO CONFINI E AREE per delineare il territorio aeroportuale non solo del Comune di Roma ma anche del Comune di  Ciampino;
  • RIQUALIFICAZIONE AEREE COMMERCIALI con la possibilità di partecipazione al 50% del Comune di Ciampino;
  • PROGETTO DI APERTURA DEL VARCO EST già reso civile (zona Folgarella), d’intesa con l’Aeronautica Militare, per il flusso dei passeggeri verso l’aerostazione a mezzo di navette bus ecologiche fornite dai trasporti del Comune di Ciampinoche che percorrono la rotabile interna;
  • POSIZIONAMENTO PRE CECK-IN d’ingresso al varco est ;
  • RIORDINAMENTO LINEE DI COLLEGAMENTO compreso l’asse ferroviario e inserimento taxi e bus comunali operanti in Ciampino, creando anche una bretella ( anche sotterranea se impossibile ” a raso”) di collegamento tra Via Folgarella e Via di Marino (VIII Reparto) lungo il “confine” tra l’abitato di Ciampino ed il “sedime” dell’aeroporto per poter riaprire le strade “cieche” di Via S.F. d’Assisi, Via F. Baracca,ecc. e consentire il “transito” pedonale tra la Ciampino ed il “suo” aeroporto;
  • Riordino esigenze di ricezione alberghiera con nuovo piano di intervento turistico locale, compresa l’area Appia antica;
  • PATTO ASSOCIATIVO TRA STRUTTURE AEROPORTUALI E COMUNE DI CIAMPINO per la fornitura di forza lavoro,
  • INSERIMENTO dell’Ente Aeroportuale alla progettazione e realizzazione di opere pubbliche concernenti le rotabili esterne o l’abitato prospiciente il sedime           aeroportuale, compresi sottopassi, tunnel, raccordi, ecc…
  • PIANO D’INSERIMENTO E RACCORDO SINERGIE DEGLI OPERATORI COMMERCIALI E ARTIGIANI per l’incremento degli utili d’esercizio sul territorio anche con la concessione di locali idonei in sede aeroportuale a costo moderato, concordato e prefissato;
  • POSSIBILE CONCESSIONE di area individuata nel territorio comunale, per le residenze di parte del personale aeroportuale,
  • COSTITUZIONE di un Ufficio di Coordinamento Permanente tra Autorità Aeroportuali e Autorità comunali, provinciali e regionali per la gestione delle decisioni di merito.

Queste le linee molto grossolane del patto. Ma tutto questo e molto altro deve essere al centro di idee e stimoli e altre soluzioni proposte a noi da tutti i cittadini. Ma comunque è necessario, come ho detto, trovare la soluzione migliore  ma non di compromesso.

Ciampino 26/02/2011

Elio Santoro

Annunci

0 Responses to “MA L’AEROPORTO DI CIAMPINO E’ DI CIAMPINO? .. [di Elio Santoro candidato Sindaco 2011]”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Calendario

febbraio: 2011
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28  

Categorie

Commenti Recenti

salvatore su MANIFESTAZIONE 13 MARZO 2010 O…
Valentina73 su 17 giugno 2011 ore 21:00 diret…
Miriam Pellegrini Fe… su Come si vota? [amministrative…
web master idv ciamp… su Comunicato 05-01-2011
vincenzo su Comunicato 05-01-2011

Flickr Photos

Categorie


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: