Archivio per marzo 2011



Ciampino .. adesso decidi tu!

Due manifesti elettorali nel seguito.

Fate click sulla foto più volte per vedere lo zoom!

Partecipate al sondaggio per scegliere tra le due versioni, oppure proporre altri colori!

modello C

Fate click sulla foto più volte per vedere lo zoom!
Partecipate al sondaggio (Polls) per scegliere tra le due versioni, oppure proporre altri colori!
link al sondaggio Polls

modello D

Fate click sulla foto più volte per vedere lo zoom!

Partecipate al sondaggio (Polls) per scegliere tra le due versioni, oppure proporre altri colori!
link al sondaggio Polls

Annunci

Nucleare in Italia: La geologia contro la lobby del nucleare

CAMPO NOMADI “LA BARBUTA”: IL CONSIGLIO DI STATO ACCOGLIE IL RICORSO DEL COMUNE DI CIAMPINO

IL NOSTRO SERVIZIO DEL 9 MARZO 2011:


cit (DAL SITO DEL COMUNE DI CIAMPINO):

CAMPO NOMADI “LA BARBUTA”: IL CONSIGLIO DI STATO ACCOGLIE IL RICORSO DEL COMUNE DI CIAMPINO

Rogo al campo rom

CAMPO NOMADI “LA BARBUTA”: IL CONSIGLIO DI STATO DA RAGIONE AL COMUNE DI CIAMPINO ED ORDINA AL MINISTERO DEGLI INTERNI DI PRODURRE TUTTI GLI ATTI AMMINISTRATIVI.

Ciampino, 11 marzo 2011

Con sentenza n. 01492, il Consiglio di Stato, sezione sesta, ha respinto l’appello del Ministero degli Interni nei confronti della sentenza del Tar n. 32624/2010, con il quale veniva ordinata la produzione a favore del Comune di Ciampino di tutti gli atti amministrativi inerenti al Piani Nomadi del Comune di Roma, ed in particolare gli atti amministrativi relativi alla stabilizzazione del campo “La Barbuta”, posto al confine tra Roma e Ciampino, ed agli atti relativi al finanziamento per il suo raddoppio.

I Giudici hanno accolto in pieno le tesi del Comune di Ciampino, ribadendo ed anzi rafforzando la sentenza del Tar Lazio. In particolare, è stata riconosciuta – contrariamente a quanto affermato dal Ministero dell’Interni – la fondatezza delle ragioni che hanno indotto il Sindaco di Ciampino ad avanzare la richiesta di accesso agli atti (negati dal Ministero degli Interni) e dei profili di interesse per la cittadinanza che la sorreggevano; “ragioni riferite – come si legge nella sentenza – a situazioni non solo di disagio, ma anche di rischio della locale comunità, esposta a pericoli, ad esempio, del traffico aereo se ed in quanto reso disagevole o rischioso per l’eventuale verificarsi di incendi; eventi, questi, potenzialmente incidenti anche sulla locale viabilità; ed anche la lamentata possibilità di inquinamento della falda acquifera, data la vicinanza dei luoghi, appariva potenzialmente produttiva di pregiudizi per le zone territoriali contermini”.

Ancora, il Consiglio di Stato ha ribadito le ragioni del Comune di Ciampino in merito al fatto che “il campo ha ospitato, fin dal suo insediamento, manufatti posticci che avrebbero potuto ostacolare la visuale degli aerei in avvicinamento alla pista aeroportuale, collocandosi nei pressi del sentiero di avvicinamento dei velivoli, con le conseguenti situazioni di pericolo; che il campo insisteva su di una falda acquifera, con la conseguente possibilità di inquinamento; che l’area, nel PTP del Lazio costituiva zona di interesse archeologico; che il campo sarebbe stato situato in zona incompatibile con un insediamento umano in quanto interno ad una zona di volo e che i frequenti incendi di grande portata verificati avrebbero più volte minato le condizioni di sicurezza di alcuni voli, nonché del traffico veicolare del Grande Raccordo Anulare”.

Ancora una volta – afferma il Sindaco di Ciampino, Walter Enrico Perandini – la Giustizia amministrativa ci rende a pieno le ragioni che, purtroppo, il Comune di Roma, la Prefettura e il Ministero degli Interni inspiegabilmente ci hanno finora sempre negato. Era impensabile che una comunità di 40.000 abitanti potesse essere esclusa dai processi che hanno visto deliberare l’esborso di 19 milioni di euro dei contribuenti per la costruzione di un maxi-ghetto proprio di fronte alla pista dell’aeroporto e sotto al Raccordo Anulare, in un’area dove ogni politica di sicurezza e di integrazione risulterebbe puramente demagogica“.

Mi auguro – conclude il Sindaco – che questa sentenza porti a vedere compiuto quanto da noi più volte richiesto: è necessario che il Comune di Roma faccia un passo indietro, riconoscendo che il campo “La Barbuta” è pericoloso per chi vi abita e per chi vi è confinante. E’ altresì indispensabile che i lavori oggi in corso per il raddoppio del campo vengano immediatamente sospesi e che, senza sprecare altro denaro pubblico, venga definitivamente sgomberato il campo delocalizzando gli attuali 350 occupanti in un’area del Comune di Roma ove sia veramente possibile una politica di integrazione in sicurezza“.

LINK UTILI:

–   pdf Sentenza del Consiglio di Stato n. 01492.

Altre notizie sul Campo Nomadi “La Barbuta”:

–   Comunicato del 9 marzo 2011: Torna il fuoco al Campo Nomadi “La Barbuta”.

–   Comunicato del 7 febbraio 2011: Rogo Campo Nomadi: il Comune di Ciampino risponde alle accuse del Sindaco di Roma.

–   Comunicato del 14 ottobre 2010 (con sentenza del Tar): Piano Nomadi: il Sindaco di Ciampino ha vinto il ricorso al Tar contro il Ministro degli Interni.

–   Ricostruzione della vicenda Campo Rom “La Barbuta”.

fonte:

http://www.comune.ciampino.roma.it/home/index.php?option=com_content&task=view&id=1924&Itemid=914

Commento:

La razio affermata da Italia dei Valori PER CUI “CHIUNQUE (CENTRO DESTRA O CENTRO SINISTRA)” ci fosse stato al governo a Ciampino –  VALEVA SEMPRE IL  « “CONOSCERE PER DELIBERARE“» è stata riconosciuta anche dal Consiglio di Stato.

Ad onore del vero sia FLI, con Zito, che la PDL, con Anna Rita Contestabile, nella riunione presso la Sede Comunale a cui furono invitati tutti i partiti, si rifiutarono di aderire a un comunicato congiunto che presentasse le ragioni che ora tutti i gradi di giudizio riconoscono fondate.

La proposta di aderire al comunicato del Sindaco Perandini, guarda caso, era stata di Italia dei Valori con la seguente motivazione:

“A prescindere che alla sindacatura ci sia il centro destra o il centro sinistra ogni forza politica dovrebbe essere “DALLA PARTE DEI CITTADINI”!

Sia Zito che la Contestabile dissero che -in linea teorica- c’erano ragioni da vendere sulla questione di volere sapere le ragioni per cui il campo nomadi dovesse essere davanti al cono di volo di decollo e atterraggio degli aerei .. ma “per questioni di schieramento” non potevano aderire all’invito al comunicato congiunto. Che era demagogia accusare il Sindaco Alemanno, perché i nomadi sono stati messi lì ben prima di Alemanno quando a Roma c’era il centro sinistra. Che quindi la colpa era del centro sinistra .. e che ora -Perandini & C- attaccavano il centro destra non per amore ai nomadi, ma per scopo elettorale.

Noi di Italia dei Valori, invece, abbiamo scommesso che i Ciampinesi AVREBBERO CAPITO!

Non c’è né destra e né sinistra che tenga se ci vanno di mezzo non questioni di stile, ma di SICUREZZA, DI SALUTE PUBBLICA.

  • .. scegliere il centro destra o il centro sinistra di CIAMPINO che cura la cosa pubblica con una logica di parte?
  • ..oppure persone come SANTORO  e IDV Ciampino che non guardano in faccia a nessuno, ma mirano a rendere conto a tutti?

IDV è dalla parte dei cittadini. CIAMPINO 2011 ADESSO DECIDI TU!

La nave affonda: Tiziano Onesti – Presidente Ambi.en.te Spa – da le dimissioni!

cit:

TIZIANO ONESTI SI DIMETTE DALLA CARICA DI PRESIDENTE DI AMBI.EN.TE S.p.A.

Ciampino, 11 marzo 2011

L’Amministrazione comunale rende noto che il Presidente del Consiglio di Amministrazione di Ambi.en.te S.p.A., Tiziano Onesti, ha rassegnato le proprie dimissioni, avvenute per i numerosi impegni accademici e professionali unitamente alle sue condizioni di salute.

Il Consigliere di Amministrazione Adriano Ventucci, preso atto della decisione di Tiziano Onesti, ha deciso di rassegnare anch’esso le sue dimissioni.

L’Amministrazione comunale ed il Sindaco ringraziano entrambi per il lavoro svolto e provvederanno nel più breve tempo possibile alla ricostituzione del C.d.A.

fonte:

http://www.comune.ciampino.roma.it/home/index.php?option=com_content&task=view&id=1926&Itemid=914

Cronistoria precedente:


Ciampino: Piantadosi (Asp), «mi dimetto solo per questioni personali»

Il Presidente risponde a quanti hanno messo in relazione la decisione con problemi aziendali

«Presunti problemi con la Finanza non c’entrano niente. Il web può scrivere quello che vuole, non ho nulla da nascondere»

Ilaria Romano

Ciampino: Piantadosi (Asp), «mi dimetto solo per questioni personali»

(Ciampino – Attualità) – «Le mie dimissioni irrevocabili sono dovute esclusivamente a motivi personali, di salute. Presunti problemi con la Finanza non c’entrano niente. Il web può scrivere quello che vuole, non ho nulla da nascondere». In bacheca una lettera saluta già i dipendenti dell’azienda: le dimissioni di Antonio Piantadosi, presidente della multiservizi Asp Ciampino, saranno formalizzate tra qualche giorno quando il Cda si riunirà anche per designare il suo successore, ma la notizia è già ufficiale. «Ho fatto il mio lavoro con integrità e ringrazio la società», dice Piantadosi, ed è tutto. Le dimissioni di Piantadosi sono state commentate nei giorni scorsi da Sergio Pede, coordinatore di Alleanza per l’Italia di Ciampino, e annunciate per primo da Massimo Zito, responsabile del circolo ciampinese di Generazione Italia – Verso Futuro e libertà: uno in un comunicato, l’altro sul suo blog, le avevano messe in relazione anche con la situazione economica dell’azienda e con presunte “visite” della Guardia di Finanza negli uffici della multiservizi. «No – ha risposto Piantadosi –. Anzitutto sono un battagliero, nella mia carriera non mi sono mai dimesso se c’era da affrontare un problema aziendale. E poi c’è stato, tra gennaio e settembre, un controllo dell’Agenzia delle Entrate, uno dei loro controlli periodici che in questo caso accertava i dati degli anni 2006-2007. La Finanza? fa visite periodiche qui come in ogni grande azienda, è routine».

Pede e Zito, nei loro interventi, chiedono al sindaco di Ciampino Perandini che le dimissioni di Piantadosi siano «l’occasione per un risanamento» della Asp, «facendo uscire la politica dalla multiservizi» (Zito) e facendo luce sulla «paurosa situazione economica in cui versa l’azienda» (Pede). I due politici chiedono risposte sull’indebitamento complessivo della Asp. che ammonterebbe a circa 30 milioni di euro, e su «intere annualità di contributi Inpdap e Inps dei lavoratori non versati», perché «è evidente – scrive Zito – che la prossima Amministrazione dovrà necessariamente mettere mano ai bilanci e cercare una soluzione che sani l’azienda senza compromettere chi ci lavora ed i servizi che fornisce».

Pubblicato il: 18.11.2010


fonte:

http://www.castellinews.it/index.asp?id=14101&act=v

Incendio al Campo Nomadi di Ciampino [9-3-2011]

1/2

2/2

Commento:

IDV Ciampino sta seguendo la situazione e sta segnalando alle autorità competenti lo stato di pericolo che risulta evidente.

Allarme al Campo Nomadi della Barbuta! [copertoni a rischio incendio][8-3-2011]

Segnalazione su facebook: 8 marzo 2011

google maps:

link

Area del campo nomadi della Barbuta vicino alla zona del GRA “Sorgente Appia” all’ingresso di Ciampino, sotto il cono di volo dell’aeroporto!

    • Andrea Hutch

      Mentre allegre le biciclettine dei NO FLY fanno svolazzare le bandierine al vento la domenica mattina scampanellando un allegro tintinnio che richiama l’attenzione dei passanti, mentre assessori comunali come Ascenzo Lavagnini e sindaci come Walter Perandini si riempiono la bocca di belle ed inutili parole contro il mostro aeroportuale, proprio alle porte del nostro paese l’ennesima bomba ecologica ad olorogeria viene innescata, pronta ad esplodere nella sua devastante tossicità!

      Eccolo, il campo provvisorio della Barbuta dove centinaia di “nomadi, zingari, gitani,” o chiamateli come meglio volete dimorano in condizioni subumane da ormai quasi due decenni nella più totale noncuranza delle istituzioni!

      Pochissime parole mi sono sufficienti per descrivere le foto che come niente altro descrivono la realtà: proprio sulle falde acquifere della sorgente Appia, una gigantesca discarica a cielo aperto, dove rifiuti di ogni genere fanno da cornice alla “pittoresca citta di Ciampino”. Guardate solo nel dettaglio l’enorme montagna di copertoni, decine di migliaia di pneumatici pronti per l’ennesimo agghiacciante rogo che immancabilmente intossicherà tutti noi, tutti loro e tutti gli sventurati che il vento vorrà dalla sua parte.

      E’ molto più comodo e meno impegnativo parlare della Ryanair, blaterare sulle rotte aeroportuali, fare pittoreschi manifesti inneggianti la morte che viene dalle turbine dei BOEING 737 di Michael O’Leary, piuttosto che risolvere un problema tangibile, concreto, reale, empirico e osservabile semplicemente uscendo di casa.

      La riflessione che mi viene spontaneo fare è che i nomadi, zingari, gitani, o, continuate a chiamarli come volete, fanno questo per sopravvivere, mentre degli sporchi imprenditori senza scrupoli con poche centinaia di euri fanno sparire “in nero” migliaia di tonnellate di rifiuti per evadere il costo sociale della differenziazione!

      Evidentemente ci sono problemi seri, che andrebbero risolti seriamente….ma per ora nessuno ne vuole neanche parlare!

Commento:

Ma il Sindaco Alemanno e le autorità competenti sono al corrente della situazione?

Indagine di Travaglio sulla “riforma epocale della giustizia” [7-3-2011]


Calendario

marzo: 2011
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Categorie

Commenti Recenti

salvatore su MANIFESTAZIONE 13 MARZO 2010 O…
Valentina73 su 17 giugno 2011 ore 21:00 diret…
Miriam Pellegrini Fe… su Come si vota? [amministrative…
web master idv ciamp… su Comunicato 05-01-2011
vincenzo su Comunicato 05-01-2011

Flickr Photos

Categorie

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: